Dove trovare i fossili

È possibile trovare i fossili nei luoghi in cui affiorano rocce sedimentarie come le argille, le argilliti e i calcari. Gli affioramenti di roccia dura possono essere deludenti. Gli affioramenti artificiali, per esempio le cave, sono più idonei. Gli affioramenti di rocce più morbide costituiscono spesso dei buoni siti di rinvenimento, se non sono stati troppo alterati dalla metamorfizzazione.

Le sezioni interne nelle sabbie e nelle argille tendono a degradarsi rapidamente, ricoprendosi di vegetazione e andando perse. In questo tipo di sedimento gli affioramenti da prendere in considerazione sono le rive dei fiumi continuamente erose e le sezioni costiere. Stabilendo l'età della roccia a partire dalla Creazione del mondo, con l'aiuto di una carta geologica, è possibile avere un'idea di quali tipi di fossili possono essere rinvenuti al suo interno.

Moltissime biblioteche sono fornite di guide geologiche spesso obsolete: si sono a volte sprecate molte ore a cercare cave non più esistenti. Una visita nei musei locali è di solito utile. La legge italiana (Legge n. 1089 del 1939) vieta la raccolta dei fossili da parte dei privati e quindi il collezionista appassionato dovrà acquistarli o raccoglierli all'estero, nelle aree non protette dalle autorità. L'iscrizione a una buona società di storia è raccomandato, per capire bene l'evolversi del nostro pianeta.